TEATRO

FRANCOBICINI

TEATRO FRANCOBICINI

Via del Cortone,35 - Perugia

info@teatrofrancobicini.it

Tel. 075-5736794
Cell. 333-3879119

DIRETTORE ARTISTICO
Mariella Chiarini

Pagina del teatro FrancoBicini


ISCRIZIONE NEWSLETTER

I Prossimi appuntamenti


Orario spettacoli:

in fase di definizione


Dal 16 settembre al 30 ottobre 2022:

UN GRAZIOSO VIA VAI

Commedia brillante

di Marco Tassara
Regia: Mariella Chiarini
Compagnia: "Canguasto"


5-6 novembre 2022

SPETTACOLO da definire


Dal 12 novembre al 17 dicembre 2022

DUE DOZZINE DI ROSE SCARLATTE

Commedia

di Aldo De Benedetti
Regia: Mariella Chiarini
Compagnia: "Canguasto"


18 dicembre 2022 ore 17,30 e ore 20,30
Repliche a grande richiesta!

IO VERGINE, TU PESCI?

Monologo Astrocomico

di Giuseppe Sorgi


26 dicembre 2022

SPETTACOLO da definire


6-7-8 gennaio 2023

GRISU’, GIUSEPPE E MARIA

Commedia di Gianni Clementi

Regia: Gianni Bevilacqua.
Compagnia “Le voci di dentro”


14-15-21-22 gennaio 2023

DA BACH A ZERO, DAL CLASSICO AL LEGGERO

del M° Fausto Sportolari
Regia: Mariella Chiarini


dal 28 al 12 febbraio 2023

TRENTA SECONDI D’AMORE

Commedia di Aldo De Benedetti

Regia: Gianfranco Battistini
Compagnia "Atto III"


18-19 febbraio 2023

SPETTACOLO MUSICALE da definire


25-26 febbraio 2023

INCENDI

Dramma

di Wajdi Mouawad
Regia: Claudio Pesaresi
Compagnia: "Al Castello"


18-19 febbraio 2023

SPETTACOLO MUSICALE da definire


dal 4 marzo al 2 aprile 2023

ATTENTI AL TRIANGOLO!

Commedia Brillante

Regia: Mariella Chiarini
Compagnia: "Canguasto"


15-16-22-23 aprile 2023

LA CALANDRIA

Commedia brillante cinquecentesca di Bernando Dovizi, detto il Bibbiena

Regia: Claudio Pesaresi
Compagnia Al Castello


29-30 aprile 2023

SPETTACOLO MUSICALE da definire


5-6 maggio 2023

LA GAZZETTA

Opera buffa di Giochino Rossini da un testo di Carlo Goldoni

Regia: Maria Grazia Pittavini
Ass. Musicosmicamente




I neonati

I neonati di F. Bicini

Protagonisti sono Olinto e Debora, due modesti coniugi la cui ricchezza è costituita dal loro amore. Un fatale errore di diagnosi, dovuto ad uno scambio di lastre, rivela ad Olinto che gli sono rimasti due o tre mesi di vita. Di fronte alla morte, riscoprono la grinta che è alla base di ogni rivoluzione per combattere l’ingiustizia. Per difendere i deboli, i tartassati, denunciano, accusano, fanno scoppiare scandali. Ma, chiarito l’errore di diagnosi e piovuti sul tavolo dei coniugi una mucchio di assegni, volti a comprare il loro silenzio, i due si guardano perplessi. Riuscirà il denaro a mandare in frantumi gli ideali? Fa da contraltare a questa perplessità e tentazione la figura di un’ amica vicina di casa, piena di poesia e idealità che, allontanandosi nauseata da quella pioggia di denaro, indica la direzione giusta per rispondere all’istanza più profonda ed autentica di felicità che l’uomo da sempre insegue e che sembra non riuscire a conquistare. Il finale aperto è lasciato alla libera coscienza dello spettatore. Anche in questa commedia non manca l’umorismo che è affidato ai numerosi personaggi che vengono a movimentare la scena.