Stampa questa pagina

Senti chi parla!

Senti chi parla! di Derek Benfield

Centro della vicenda è una coppia di maturi e rispettabili coniugi, lei, Leslie, una signora vivace e intelligente, lui. Un tranquillo avvocatocon l’hobby del giardinaggio. Ma anche due signori così normali possono cadere vittime del fatiudico bicchiere di troppo che toglie i greni inibitori e fa compiere con allegria e leggerezza azioni la cui memoria svanisce con il mal di testa del giorno dopo. Così Leslie e il marito vedono piombare nella loro tranquilla dimora due partner desiderosi di continuare una love srtory occasionale, nata all’ombra di una coppa di champagne. Si scopre che lei ha incontrato durante una cenetta con un’amica, un baldo giovanotto, con il quale ha passato, tra un bicchiere e l’altro, una serata un po’ birichina, nella quale può essere successo tutto o niente, mentre l’irreprensibile avvocato si è abbandonato, nel corso di un party, a tenere effusioni, con relativa promessa di romantico viaggio in Italia, con la sua segretaria. La giornata tranquilla, dedicata al consolidamento delle proprie abitudini, si trasforma in un susseguirsi ed ingigantirsi di bugie, nell’intento di coprire, uno dopo l’altra, la verità dimenticata di una sera capricciosa. In un crescendo di situazioni vengono efficacemente utilizzati con grande esperienza teatrale tutti i modi del comico: dal comico di carattere, alla battuta che strappa l’applauso.