TEATRO

FRANCOBICINI

TEATRO FRANCOBICINI

Via del Cortone,35 - Perugia

info@teatrofrancobicini.it

Tel. 075-5736794
Cell. 333-3879119

DIRETTORE ARTISTICO
Mariella Chiarini

Pagina del teatro FrancoBicini

Google+


Iscrizione newsletter

Cartellone '19 - '20


Orario spettacoli:

I Sabati ore 21:15

Le Domeniche ore 17:15


5 Ottobre:

PARLA CON TE

Recital

con Giorgio Boccaccio
e la partecipazione di Antonella Jhada


 6 Ottobre:

IN VINO VERITAS

Teatro Canzone

Compagnia Jazz Glazz


12-13-19 Ottobre:

L'ANATRA ALL'ARANCIA

Vaudeville di Marc Gilbert Sauvajon

Compagnia Atto III
Regia di Gianfranco Battistini


26-27 Ottobre:

IMPRESSIONISMO: DALLE TELE ALLE NOTE!

Promenade attraverso l’Impressionismo musicale europeo di inizio ‘900

Debussy, Ravel, De Falla, Respighi
DUO CHARIGOT


2-3 Novembre:

QUESTIONE DI LINGUA

Klimax

cutura & spettacolo
Claudia Federica Petrella – Luca Varone


Dal 9 Novembre al 15 Dicembre

LE PILLOLE DI ERCOLE

commedia brillante in due atti di C.M. Hennequin e P. Bilhaud

Compagnia del Canguasto
Regia Mariella Chiarini


26 Dicembre

CHIARA GIUDICE E DAVID SOTGIU IN CONCERTO

con le più belle arie di:

Verdi, Puccini, Donizetti, Bellini e della canzone classica napoletana
Al pianoforte SABINA BELEI


Dal 4 Gennaio al 16 Febbraio

DONNACCE

Commedia in due atti di Gianni Clementi

Compagnia del Canguasto
Regia Mariella Chiarini


22-23 Febbraio

IL MARITO DISPERATO ovvero IL MARITO GELOSO

dramma giocoso – musica di Domenico Cimarosa (1749-1801) su libretto di Giambattista Lorenzi

Compagnia Lirica Musicosmicamente
Regia di Maria Grazia Pittavini


29 Febbraio 1 Marzo

NON SONO UN MAGO

spettacolo di magia comica

di e con GIOVIX


7-8 Marzo

UNA DONNA E' UNA DONNA

da “Pietra di pazienza ( Syngué Sabou )” di Atiq Rahimi Adattamento a cura di Silvia Bardascini e Angelo Edoardo Zigrino.

Teatro dei 90
Regia di Angelo Edoardo Zigrino


14-15-21-22 Marzo

MINCHIA, SIGNOR TENENTE!

Commedia di Antonio Grosso

Compagnia Le Voci di Dentro
Regia di Gianni Bevilacqua


28-29 Marzo

LA MUSICA IMMAGINATA

i solisti dei MICROLOGUS

Goffredo Degli Esposti e Gabriele Russo


4-5 Aprile

EURIDICE

di Jean Anouilh

Compagnia Al Castello
Regia di Claudio Pesaresi


18-19 Aprile

CHI HA INCASTRATO R.B.?

Giallo interattivo

a cura de “La Sarabanda Teatro


25-26 Aprile

Riflessi d'acqua

Viaggio nel mondo dell'acqua

di e con Mariella Chiarini.


9-10 Maggio

ACROBAZIE E LABIRINTI MUSICALI

con l'Ensemble La Real Parte


23-24 Maggio

L'UOMO CHE SOGNAVA GLI STRUZZI

Monologo teatrale
tratto dal libro omonimo di Bepi Vigna




L'affittacamere

L'affittacamere da “Camera a ore” di Fritz Wempner

La commedia di Wempner, adattata e ambientata a Perugia, dove gli affittacamere non mancano certo, parte da una situazione attuale, realistica e molto diffusa: una coppia di pensionati non riesce ad arrivare, con le sue magre entrate, alla fine del mese e, per sanare il critico bilancio familiare, decide di affittare la stanza più bella della casa. L’annuncio su “Cerco e trovo” dà subito ottimi risultati. Ma lui, vuole affittarla ad una donna, lei, gelosa, preferisce la presenza di un uomo. Da qui, si susseguono sorprese e colpi di scena che trasferiscono improvvisamente una banale situazione della quotidianità su un piano surreale, proprio come accade nella commedia degli equivoci, dove ognuno agisce all’insaputa dell’altro. Così, anziché uno, in casa si ritrovano due ospiti che ignorano l’uno la presenza dell’altro: Lisa, ragazza vivace, disinvolta, caparbia, ma anche pronta ad abbandonarsi ai sentimenti veri; Claudio, giovane sensibile e romantico, ma anche intraprendente, alla ricerca della propria autonomia e affermazione. Pur essendo una commedia che ricerca l’effetto nelle situazioni, non trascura di tratteggiare il carattere dei personaggi: la tenera coppia dei pensionati affittacamere ancora in vena di tenerezze e complicità; Enrico, il padre di Claudio, un po’ burbero e spavaldo, ma in fondo tenero e affettuoso; Giovanna, mamma di Lisa, dolce, ma forte e ben determinata negli obiettivi che vuole raggiungere; la Sig.ra Boldrin, moglie del datore di lavoro di Lisa, un vero ciclone che, mossa dalla sua gelosia, si abbatte su tutto e tutti travolgendo simpaticamente quanto trova sul suo cammino; e che dire di Federico, il povero vicino di casa, l’essenza stessa della mitezza, costretto a trasformarsi maldestramente in un mastino per accontentare Cesira, la bisbetica ed insopportabile moglie che provoca continue liti con la coppia di pensionati? Com’è ovvio, alla fine il gioco si scopre: azioni, reazioni, nuove scoperte da parte dei giovani, riguardanti i rispettivi genitori. Ma su tutto, dopo tanti contrasti e titubanze, l’amore trionfa e vince ogni resistenza.